L’esperienza della Turin Global Game Jam

Postato il Aggiornato il

Per la prima volta si è svolta la Turin Game Jam, dove circa una sessantina di appassionati si sono sfidati in contemporanea col resto del mondo per creare in sole 48 ore un videogioco. Un tempo davvero stretto, considerando che non ci sono pause una volta partito il countdown. Per rendere chiara la dimensione di questo evento, in tutto il mondo sono stati registrati ben  23,198 jammers (un record assoluto per la Global Game Jam, iniziata nel 2009 con 1,650 partecipanti), 101 erano di Torino.
Tutto è iniziato venerdì 24 gennaio 2014: una volta registrati al check-in ed ascoltato con attenzione i diversi talk di professionisti internazionali su argomenti inerenti a quello che avremmo affrontato, è iniziata la fase di creazione dei gruppi. Con un originale metodo di smistamento, mi sono ritrovato come tanti altri in un team di completi sconosciuti. Finite le presentazioni, è arrivata la comunicazione del tema da seguire.

“We don’t see things as they are, we see them as we are.” – Anaïs Nin

In preda all’euforia generale, iniziamo tutti a tirare fuori idee da sviluppare. Passate un paio di ore ricavandone un foglio pieno di scritte incomprensibili, facciamo un breve riepilogo e ci assegniamo ciascuno dei compiti che in ogni caso dovevano essere affrontati. Così nell’arco tra venerdì notte e sabato mattina mentre gli artisti 2d si occupavano di creare i concept seguendo le poche indicazioni date, io e Andrei, sviluppatore iOS, ci dedichiamo allo studio del motore grafico Unity3D che avremmo dovuto usare come base per lo sviluppo (infatti nessuno nel nostro gruppo aveva esperienze con quel programma).
Al mattino del sabato, dopo una notte insonne, abbiamo le idee più chiare sulle nostre possibilità ma siamo ancora ambiziosi, nonostante il nostro gruppo avesse la sfortuna di essere composta quasi solo da inesperti e con poche competenze (me compreso). Nonostante ciò, la passione e la cooperazione ci diedero una spinta a portare avanti il progetto, quasi fosse una sfida personale per dire “Ehi, possiamo riuscirci anche noi !”. Continuiamo a lavorare imperterriti fino alla domenica mattina. Nelle ultime ore ci accorgiamo di come molte delle idee su cui abbiamo lavorato nelle ore precedenti fossero impossibili da realizzare con le nostre capacità e con le poche ore rimaste, provocando un po’ di delusione generale. Scoccata la fine del tempo, presentiamo il nostro gioco a testa alta e sebbene abbiamo avuto problemi anche con quello , ne usciamo soddisfatti (anche grazie ai meravigliosi concept e disegni vari mostrati).

 

Uno dei concept art cerati durante la Turin Game jam nel mio team per il gioco "LIT", realizzato da Erika Accossato
Uno dei concept art * creati durante la Turin Game jam nel mio team per il gioco “LIT”, realizzato da Erika Accossato

 

Uno dei concept art cerati durante la Turin Game jam nel mio team per il gioco "LIT", realizzato da Adrian Liza Clares
Uno dei concept art * creati durante la Turin Game jam nel mio team per il gioco “LIT”, realizzato da Adrian Liza Clares

 

Il risultato di tutto ciò? Vedere come una passione comune possa sfidare le (grandi) difficoltà, facendo cooperare sconosciuti per un fine comune, e di come la tecnologia lo abbia permesso . Senza internet non avremmo potuto trasmettere queste informazioni in tutto il mondo e senza il computer il videogioco non esisterebbe. Concludo dando un consiglio a chi è appassionato di videogames: se siete davvero interessati, provate a partecipare alle prossime game jam, in ogni caso vi conviene perché:
• vi metterete alla prova
• imparerete tantissime cose (e magari scoprite qualche vostro talento nascosto)
• conoscerete persone davvero simpatiche
• è maledettamente divertente!

Visitate il sito ufficiale per vedere i lavori di questa impresa (sono tutti scaricabili gratuitamente)

http://globalgamejam.org/2014/jam-sites/turin

Ne approfitto per ringraziare tutti i membri del mio team per la bellissima esperienza e per anticiparvi che il progetto del nostro gioco viene tutt’ora portato avanti. Seguitemi su  Twitter per mantenervi aggiornati sugli sviluppi.

Al prossimo articolo!

Marco Giannitti

*le immagini sono di proprietà dei corrispettivi autori, pubblicate qui sotto loro consenso.

Advertisements

Un pensiero riguardo “L’esperienza della Turin Global Game Jam

    JamToday a giugno! « SocialTechnology ha detto:
    15 maggio 2014 alle 10:28

    […] precendente articolo vi ho esposto l’esperienza della prima GameJam torinese. Per chi fosse rimasto incuriosito, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...